Sarà Interessa A Te

Quali sono i possibili benefici per la salute della vitamina D?

Rispettiamo la tua privacy. Mentre la ricerca sulla vitamina D è eccitante, in gran parte è inconcludente. Conoscere i fatti prima di iniziare l'assunzione. Stocksy; Corbis; Masterfile

Non è un segreto che la vitamina D sia un nutriente essenziale. Potete trovarlo in alimenti base come uova, latte e succo d'arancia fortificato, così come in alcuni funghi e pesci grassi come l'halibut, il salmone e l'aringa. (1) Il tuo corpo può persino far passare il tempo al sole. (1)

Ancora, quanto sai veramente su cosa la vitamina D può - e non può - fare per la tua salute? Continuate a leggere per imparare ciò che sappiamo finora.

Come la vitamina D è diversa dagli altri nutrienti?

Per comprendere meglio la vitamina D e il fascino a lungo termine degli scienziati con le sue funzioni, sappiate che non tutte le vitamine e i minerali operano nello stesso corpo. "Stiamo scoprendo che la vitamina D si comporta molto meno come una vitamina e molto più come un ormone", dice Robin Foroutan, RDN, un allenatore sanitario presso il Morrison Center di New York City e un portavoce per l'Accademia di nutrizione e dietetica. Ciò significa che la vitamina D agisce come un messaggero piuttosto che come un partecipante al nostro metabolismo, influenzando potenzialmente tutto, dal nostro peso a come funzionano i nostri organi. (2)

CORRELATI: 8 modi per ottenere più vitamina D nella vostra dieta

Anche se la ricerca sulla vitamina D abbonda, il suo effetto sulla salute umana rimane incerto. Questo è in gran parte perché la maggior parte degli studi sulla vitamina D sono sugli animali o sono stati condotti in piccole popolazioni umane. Più importante, la maggior parte della ricerca sul nutriente è osservativa, il che significa che i risultati non puntano a una definita relazione di causa-effetto tra la vitamina D e il potenziale beneficio per la salute studiato.

Studi che producono probabilmente cause i risultati sono condotti con un modello controllato e randomizzato, in cui i ricercatori eliminano il rischio di pregiudizi e tengono conto di fattori potenzialmente conflittuali. (3) Grandi studi randomizzati e controllati sono considerati il ​​gold standard per la ricerca e, sfortunatamente, non ci sono stati molti sulla vitamina D e sui suoi vari possibili benefici per la salute, a causa della difficoltà a condurre questi studi, della mancanza di finanziamenti, o l'impossibilità di uno scenario del genere.

Con queste limitazioni in mente, ecco uno sguardo approfondito su ciò che la vitamina D può, probabilmente può, può e sicuramente non farà per la tua salute.

Che vitamina D può Fai per la tua salute

Proteggi le ossa e aiuta a prevenire l'osteoporosi e altre malattie ossee

È chiaro che la vitamina D aiuta l'assorbimento del calcio. Senza abbastanza vitamina D nel corpo, non ci sarà abbastanza della sua forma attiva, l'ormone calcitriolo. (4) L'assorbimento del calcio consente al corpo di mantenere un livello sufficiente di tale elemento e fosfato, che promuovono entrambi la crescita e il mantenimento di ossa sane e forti. (1)

Ecco perché non sorprende che l'assunzione di una quantità sufficiente di vitamina D sia fondamentale per scongiurare le malattie ossee, come il rachitismo nei bambini, l'osteomalacia negli adulti e l'osteoporosi negli anziani. (4)

CORRELATO: 10 Fatti essenziali sull'osteoporosi

Il rachitismo è una malattia rara negli Stati Uniti. È caratterizzato da ossa molli e deboli nei bambini ed è tipicamente associato ai paesi in via di sviluppo, ma un livello insufficiente di vitamina D dovuto alla mancanza di esposizione al sole o alla dieta può colpire i bambini in qualsiasi parte del mondo. (5) Segni e sintomi di rachitismo includono dolore alla colonna vertebrale, al bacino e alle gambe, nonché crescita ritardata e debolezza muscolare. (6)

Nel frattempo, l'osteomalacia si riferisce alle ossa addolcenti a causa della carenza di vitamina D. I suoi segni includono dolore sordo e dolente alle gambe, ai fianchi, al bacino, alle costole e alla schiena, sebbene la condizione spesso non presenti sintomi nelle sue fasi iniziali. (7)

L'osteoporosi è una delle principali cause di fratture e ossa rotte negli anziani. La Mayo Clinic osserva che questa malattia ossea risulta dalla minore creazione di nuovo osso e dalla rimozione di vecchie ossa nel corpo. Le donne che hanno passato la menopausa sono a più alto rischio di osteoporosi e, come l'osteomalacia, le persone con osteoporosi sono spesso asintomatiche quando la malattia è nelle fasi iniziali. I sintomi successivi possono includere una postura curva, altezza declinante, dolore alla schiena e una frattura ossea inaspettata e immediata. (8)

Accertarsi di assumere un'ampia vitamina D attraverso la luce del sole, cibo e integratori può aiutare a scongiurare malattie ossee come queste. (8)

CORRELATI: 9 Alimenti che fanno male alle ossa

Che la vitamina D probabilmente può fare per la tua salute

Migliorare i sintomi del disturbo affettivo stagionale (depressione stagionale)

Mentre vitamina D il ruolo potenziale nell'aiutare a prevenire o gestire la depressione clinica non è ancora chiaro a causa della ricerca limitata, i ricercatori ritengono che il livello di vitamina D possa effettivamente giocare un ruolo nel rischio di sviluppare disordini affettivi stagionali o depressione stagionale. (9) Le persone con disturbo affettivo stagionale sembrano produrre meno vitamina D, che secondo i ricercatori influisce sull'attività del neurotrasmettitore serotonina.

La serotonina è la stessa sostanza chimica che il cervello pompa quando si va avanti a lungo, si mangia un pezzo di cioccolato, o tenere la mano della persona che ami. È un ormone di benessere. Quindi, quando il livello di serotonina viene espulso, potenzialmente a causa di una carenza di vitamina D, potresti sentirti blu o essere maggiormente a rischio di disturbi dell'umore. (10)

Foroutan sottolinea che gli integratori di vitamina D sono spesso prescritti per aiutare a trattare il disturbo affettivo stagionale. (9)

Proteggi contro le infezioni respiratorie

Aumenta il tuo livello di vitamina D se sei carente e potresti scoprire di avere meno infezioni respiratorie (alias il raffreddore e l'influenza) del solito.

Una recensione di 25 studi randomizzati e controllati condotti su circa 11.300 persone suggeriscono che i partecipanti che erano carenti di vitamina D hanno visto un rischio ridotto del 12 per cento di infezioni respiratorie dopo l'assunzione di un integratore di vitamina D, anche se non tutti gli studi hanno visto un chiaro beneficio dall'integrazione. (11)

I principali limiti? I ricercatori non erano sicuri se i partecipanti avessero ricevuto un vaccino antinfluenzale o fossero stati diagnosticati con la malattia polmonare ostruttiva cronica ostruttiva (BPCO), che sono due fattori confondenti che potrebbero aver distorto i risultati.

Un editoriale di accompagnamento mette in guardia i lettori a prendere scoperte con un pizzico di sale, con gli autori che discutono contro la supplementazione standard di vitamina D per tutto l'anno e che richiedono ulteriori ricerche. (12)

Che vitamina D può fare per la tua salute

Aiutare a proteggere da malattie cardiache e ictus

Una revisione di 19 studi collega un'adeguata vitamina D a un ridotto rischio di malattie cardiache, ictus e insufficienza cardiaca. (13) Ma i ricercatori annotano nel loro studio che gli studi in questione non erano perfetti.

Sebbene alcuni fossero basati su studi clinici randomizzati e controllati, l'obiettivo iniziale di tale ricerca era analizzare la relazione tra vitamina D e la sua connessione crescita ossea e forza, e i partecipanti erano più anziani (oltre 70 anni) e per lo più donne. Nel frattempo, altri studi nella revisione includevano partecipanti con insufficienza renale allo stadio terminale. Questi fattori suggeriscono che è necessaria una ricerca più obiettiva per determinare l'effetto reale che la vitamina D può avere sulla salute del cuore e il rischio di ictus - e quali gruppi di persone possono trarre maggior beneficio

Ridurre il rischio di diabete di tipo 1 e di tipo 2

Secondo un articolo, studi osservazionali condotti su modelli cellulari suggeriscono che la vitamina D può aiutare ad aumentare la sensibilità all'insulina, potenziare la funzionalità delle cellule beta e ridurre l'infiammazione - tutti i potenziali benefici per ridurre il rischio e aiutare a gestire il diabete di tipo 2. (14)

Ma ecco la cosa con quella ricerca e altri studi a cui si fa riferimento nell'articolo: La maggior parte della ricerca sulla vitamina D e sul diabete (sia di tipo 1 o di tipo 2) è osservativa, il che significa che fino a quando non ci saranno più randomizzati, studi controllati condotti su grandi popolazioni umane, non sapremo con certezza come questi fattori potrebbero influenzarsi a vicenda.

"Negli studi sull'uomo, l'evidenza di una potenziale associazione è più forte per il diabete di tipo D e di tipo 2, con molti meno dati sul diabete di tipo 1", scrivono gli autori. "Tuttavia, le prove sul diabete di tipo 2 negli esseri umani derivano quasi esclusivamente da studi osservazionali, che possono essere confusi da una varietà di fattori, e quindi, questi studi precludono una valutazione di causa ed effetto." (14)

La carenza di vitamina D è collegata al diabete di tipo 2?

Svolgere un ruolo nella prevenzione di alcuni tipi di cancro

Gli scienziati stanno prestando sempre più attenzione al possibile ruolo della vitamina D nel combattere il cancro. Una revisione di 63 studi osservazionali che hanno analizzato la potenziale correlazione tra vitamina D e carcinoma della mammella, del colon, dell'ovaio e della prostata ha dato risultati promettenti, suggerendo che la vitamina D può essere un modo semplice ed economico per ridurre il rischio di cancro. (15)

Altre ricerche osservazionali suggeriscono anche che la vitamina D può aiutare a prevenire il cancro del colon-retto, sebbene i risultati siano contrastanti. (16) Lo stesso vale per la vitamina D che aiuta a prolungare la sopravvivenza del cancro. (13)

A causa della scienza in conflitto e della mancanza di studi randomizzati e controllati, il National Institutes of Health non raccomanda ancora supplementi di vitamina D per aiutare a ridurre il rischio di cancro. (1)

Aiuta a prevenire il declino cognitivo e la demenza

Foroutan sottolinea che ci sono recettori di vitamina D nel tessuto cerebrale, il che suggerisce che la vitamina possa giocare un ruolo nelle funzioni cognitive e, potenzialmente, nel rischio di demenza. La ricerca sembra supportare questa nozione, con uno studio che suggerisce che la vitamina D può aiutare a cancellare la placca amiloide, il segno distintivo del morbo di Alzheimer (la forma più comune di demenza). (17)

Tuttavia, gli autori dello studio notano che sono necessari ulteriori studi per confermare una relazione causa-effetto tra un livello adeguato di vitamina D e il disturbo neurodegenerativo.

La Mayo Clinic riecheggia questo sentimento, con i suoi esperti sottolineando che, nonostante alcune delle promettenti scoperte finora prodotte, è troppo presto per dire in che modo la vitamina D può influire sul declino cognitivo e sul rischio di demenza perché gli studi fino ad ora sono solo osservazionali. (18)

Fornire aiuto per i sintomi delle condizioni autoimmuni

I ricercatori sono da tempo affascinati dal potenziale effetto che la vitamina D può avere sui disordini autoimmuni a causa del ruolo dei nutrienti nella regolazione del sistema immunitario. (19) Il rapporto precedente di Everyday Health mostra che sono state condotte ricerche sulla vitamina D e sulle condizioni autoimmuni, tra cui l'artrite reumatoide, la sclerosi multipla, la malattia della tiroide, le malattie infiammatorie dell'intestino come il Crohn e la psoriasi.

Ma come nel caso di molte della ricerca sulla vitamina D, gli studi sulle condizioni autoimmuni e il nutrimento sono limitati ai modelli osservazionali, quindi è necessario più studio. (19)

CORRELATO: Psoriasi e rischio di altre malattie autoimmuni: Sei a rischio?

Cosa la vitamina D sicuramente non farà per la tua salute

Ormai ti rendi conto che gli scienziati sono ancora esplorare come esattamente la vitamina D colpisce i nostri corpi e quale ruolo potrebbe avere nel trattamento e nella prevenzione della malattia. Ma una cosa è certa: la vitamina D non è un toccasana, quindi non iniziare a prendere integratori con la speranza che tutti i tuoi problemi di salute svaniscano.

Non c'è vitamina in grado di farlo.

The Takeaway on Vitamina D e salute

La vitamina D è una sostanza nutritiva essenziale che può aiutare a fortificare le ossa e mantenerle forti, proteggendo allo stesso tempo anche le infezioni respiratorie e mantenendo il tuo umore luminoso. Ma la ricerca per quanto riguarda gli altri effetti deve essere ulteriormente studiata prima che scienziati, medici e pazienti come te possano prendere decisioni informate sull'integrazione o l'aumento dell'assunzione di vitamine.

Fino ad allora, sappi che la maggior parte degli adulti ha bisogno di 600 unità internazionali di vitamina D ogni giorno, mentre i bambini e gli anziani potrebbero aver bisogno di importi diversi. (1) Se sospetti di avere una carenza di vitamina D, chiedi al tuo medico di fare un esame del sangue per verificare se il tuo livello è adeguato.

Rapporti aggiuntivi forniti da Melinda Carstensen

Risorse che amiamo

  • Istituti di salute nazionali
  • Consiglio di vitamina D
  • Harvard T.H. Scuola di salute pubblica Chan
  • Clinica Mayo
  • Cleveland Clinic

Fonti editoriali e verifica dei fatti

  1. Scheda informativa sulla vitamina D per professionisti della salute. Ufficio nazionale dei servizi sanitari di integratori alimentari. 11 febbraio 2016.
  2. Ross AC, Taylor CL, Yaktine AL, et al. (eds.). Assunzioni dietetiche di riferimento per calcio e vitamina D . Stampa nazionale accademie. 2011.
  3. Randomized Controlled Trial (RCT). PubMed Health.
  4. Calcio e vitamina D: importanti in ogni età. Centro nazionale per le malattie osteoporotiche e malattie ossee correlate. Maggio 2015.
  5. Sahay M, Sahay R. Rickets-Vitamina D Carenza e dipendenza. Rivista indiana di Endocrinologia e Metabolismo . Marzo-aprile 2012.
  6. Rickets. Mayo Clinic. 24 maggio 2016.
  7. Osetomalacia. Mayo Clinic. 29 aprile 2017.
  8. Osteoporosi. Mayo Clinic. 6 luglio 2016.
  9. Disturbo affettivo stagionale. Istituto nazionale di salute mentale. Marzo 2016.
  10. Cowen P, Browning M. Che cosa ha a che fare la serotonina con la depressione? Psichiatria mondiale . Giugno 2015.
  11. Martineau AR, Jolliffe DA, Hooper RL, et al. Supplemento di vitamina D per prevenire infezioni del tratto respiratorio acuto: revisione sistematica e meta-analisi dei singoli dati dei partecipanti. BMJ . Febbraio 2017.
  12. Bolland MJ, Avenell A. Gli integratori di vitamina D aiutano a prevenire le infezioni del tratto respiratorio? BMJ . Febbraio 2017.
  13. Al Mheid I, Patel RS, Tangpricha V, Quyyumi AA. Vitamina D e malattie cardiovascolari: la prova è solida? European Heart Journal . 21 dicembre 2013.
  14. Mitri J, Pittas A. Vitamina D e diabete. Cliniche del metabolismo endocrinologico del Nord America . Marzo 2014.
  15. Garland CF, Garland FC, Gorham ED, et al. Il ruolo della vitamina D nella prevenzione del cancro. American Journal of Public Health . Febbraio 2006.
  16. Vitamina D e salute: vitamina D e cancro. Harvard T.H. Chan School of Public Health.
  17. Soni M, Kos K, Lang IA, et al. Vitamina D e funzione cognitiva. Rivista scandinava di indagini cliniche e di laboratorio . 2012.
  18. Vitamina D: può prevenire l'Alzheimer e la demenza. Mayo Clinic. 7 maggio 2015.
  19. Vitamina D e salute: vitamina D e funzione immunitaria. Harvard T.H. Chan School of Public Health.

Ultimo aggiornamento: 31/01/2018
arrow