Sarà Interessa A Te

L'uso giovanile delle sigarette elettroniche raddoppia

Rispettiamo la tua privacy.

I centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno riferito la settimana scorsa che il numero di studenti americani di medie e superiori che usano le e-sigarette è più che raddoppiato dal 2011 al 2012. L'agenzia ha riferito che 1.78 milioni di studenti avevano provato una sigaretta elettronica.

Gli esperti hanno notato che le e-sigarette sono facili da acquistare perché non ci sono limiti di età per la loro vendita e possono essere facilmente acquistate in luoghi come i chioschi dei centri commerciali. Sono anche disponibili in gusti che possono attrarre gli adolescenti, come la ciliegia o la vaniglia.

"L'aumento dell'uso di e-cigarette da parte degli adolescenti è profondamente preoccupante", ha detto in un comunicato il direttore del CDC Dr. Thomas Frieden. "La nicotina è una droga molto coinvolgente, molti adolescenti che iniziano con le sigarette elettroniche possono essere condannati a lottare con una dipendenza per sempre dalla nicotina e dalle sigarette convenzionali."

Fumare sigarette elettroniche potrebbe essere il modo per smettere di fumare, secondo una nuova studio pubblicato sulla rivista Lancet.

I ricercatori della Nuova Zelanda hanno scoperto che le e-sigarette hanno la stessa efficacia dei cerotti alla nicotina per aiutare i fumatori a smettere. Hanno diviso 657 fumatori in tre gruppi: un gruppo ha ricevuto e-sigarette, un altro ha ottenuto cerotti alla nicotina e l'ultimo ha ricevuto e-sigarette placebo che non avevano nicotina in loro. Non c'erano chiare differenze tra e-sigarette e cerotti alla nicotina nel successo di smettere di fumare sei mesi dopo, ma le e-sigarette erano più efficaci nell'ottenere che i fumatori riducessero le loro abitudini.

Le persone giudicano il tuo viso assonnato

Quando la tua faccia sembra assonnata, è più probabile che le persone ti giudichino per questo.

Un nuovo studio sul diario ha scoperto che i segni fisici di stanchezza come cerchi sotto gli occhi, pelle pallida e rughe sono facilmente identificabili dagli altri. Le persone poi giudicano se qualcuno può essere fidato o meno, è aggressivo o competente, lo studio ha trovato.

"Altre persone potrebbero trattarti in modo diverso a causa del tuo aspetto quando non hai dormito", ha detto l'autore dello studio principale Tina Sundelin, del dipartimento di psicologia dell'Università di Stoccolma.

Gli autori dello studio hanno anche notato che questi segnali facciali potrebbero aiutare a creare un sistema per rilevare la fatica nei lavoratori dei trasporti come piloti o camionisti.

Donne che hanno bambini più tardi nella vita

Altre donne hanno avuto bambini tra i 30 ei 40 anni nel 2012, secondo i dati pubblicati dal CDC, mentre i tassi di natalità per adolescenti e giovani hanno raggiunto i minimi storici.

Tasso di natalità per le donne tra i 30 ei 34 anni aumentato dell'1% nel 2012 a circa 97 nascite ogni 1.000 donne, mentre il tasso di natalità per le donne di età compresa tra 35 e 39 è aumentato del 2% a circa 48 nascite ogni 1.000 donne.

Le donne che hanno figli in età avanzata hanno un aumentato rischio di difetti alla nascita, autismo e altri disturbi che in

"È importante che le donne conoscano i rischi di alcuni difetti alla nascita e che i rischi di parto prematuro possano aumentare con l'età. È importante che le donne siano a conoscenza di questi rischi, nella misura in cui pianificano le loro gravidanze e ottengono una valutazione della salute pre-concezione in modo che vadano in una gravidanza il più sana possibile ", ha detto Edward McCabe, MD, chief medical officer per March of Dimes.

I ricercatori individuano il trigger per le malattie infiammatorie

Nuove scoperte sui trigger per malattie infiammatorie come il morbo di Crohn, la psoriasi e l'artrite reumatoide potrebbero aiutare a creare trattamenti più mirati.

In uno studio pubblicato sulla rivista Immunity , i ricercatori hanno individuato una proteina specifica che avvia la morte cellulare. Quando un virus o un batterio attaccano il corpo, in genere le cellule interessate si auto-distruggono per proteggersi e attivano il sistema immunitario. Nelle persone con condizioni infiammatorie, ciò accade quando non vi è alcun invasore esterno. La proteina specifica trovata dai ricercatori inizia questa risposta immunitaria.

"Stiamo già utilizzando questa conoscenza per sviluppare specifiche molecole simili a farmaci da testare nei modelli di malattia", ha detto l'autore dello studio John Silke. "Questo potrebbe portare direttamente a trattamenti che aiuteranno i pazienti che hanno malattie infiammatorie croniche."

Erinn Connor è uno scrittore di personale sanitario con il dott. Sanjay Gupta Ultimo aggiornamento: 9/9/2013

dr . sanjay gupta

arrow