Sarà Interessa A Te

Un vaccino per il trattamento del diabete?

Rispettiamo la tua privacy.

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune, il che significa che il sistema immunitario attacca erroneamente il pancreas come se lo difendesse dagli invasori stranieri. Gran parte della ricerca è incentrata sulla ricerca della causa del diabete di tipo 1 e di migliori trattamenti per il diabete. Recentemente gli scienziati hanno visto segni di speranza per una possibile cura del diabete con una tubercolosi o un vaccino contro la tubercolosi.

Dopo due decenni di ricerche condotte principalmente in laboratorio, uno studio ha scoperto che il vaccino contro la tubercolosi - chiamato bacillo Calmette-Guerin (o BCG) - ha attivato la secrezione di insulina nei roditori con diabete di tipo 1. Nel diabete di tipo 1, il corpo non può produrre insulina, quindi la capacità del vaccino BCG di stimolare il rilascio di insulina è stato un segnale promettente. Questa scoperta ha portato un altro team di ricercatori al Massachusetts General Hospital a verificare se il vaccino avrebbe lo stesso effetto sugli esseri umani.

Sei persone con diabete di tipo 1 da lungo tempo sono state studiate in uno studio in doppio cieco controllato con placebo. Alcuni individui hanno ricevuto il vaccino BCG e altri un placebo. Il sangue dei partecipanti è stato prelevato una volta a settimana per 20 settimane e analizzato per i biomarcatori della funzione pancreatica e dell'attività del sistema immunitario. Alla fine dello studio, i ricercatori hanno scoperto che alcune delle persone che hanno ricevuto il vaccino BCG hanno mostrato un aumento dei livelli di peptide C, che sono marcatori o segni di secrezione di insulina, come riportato nella rivista PLOS ONE .

Sebbene lo studio fosse molto piccolo e sono necessarie molte più ricerche per determinare se il vaccino BCG potrebbe essere praticabile nel trattamento del diabete, i ricercatori sospettano che il vaccino stimoli la risposta immunitaria dell'organismo e induca a rilasciare una sostanza chiamata tumore fattore di necrosi o TNF. Il corpo è noto per produrre TNF in risposta ai batteri nel vaccino BCG. Anni di ricerche hanno indicato che il TNF ha un effetto protettivo contro l'autoimmunità e può prevenire, rallentare o arrestare la progressione di alcune malattie autoimmuni. Nelle persone con diabete, il TNF è pensato per distruggere le cellule autoimmuni che attaccano il pancreas e promuovere la rigenerazione delle cellule del pancreas sano che possono secernere insulina.

Quindi, questa è la cura del diabete che molti stavano aspettando? "Questo è stato uno dei primi studi pilota su un approccio promettente al trattamento del diabete", spiega David Schoenfeld, PhD, uno dei ricercatori dello studio e professore nel dipartimento di biostatistica presso la Harvard Medical School. "Abbiamo trovato alcune prove del fatto che potremmo essere in grado di cambiare il corso del diabete con un'immunoterapia, tuttavia dovremo fare molto più lavoro per confermare questa osservazione e quindi sviluppare un'immunoterapia che sarà vantaggiosa per i pazienti. " Usa il termine "immunoterapia" piuttosto che "vaccino", dice Schoenfeld, "perché sebbene BCG sia un vaccino per la tubercolosi, è stato usato in questo studio per alterare il sistema immunitario dei pazienti piuttosto che per prevenire l'infezione". Le persone coinvolte nella sperimentazione a cui è stato somministrato il vaccino BCG fanno ancora affidamento su frequenti iniezioni giornaliere di insulina per controllare il loro diabete.

Il futuro del trattamento del diabete

C'è ancora molta strada da fare per trovare una cura per il diabete o un vaccino per il diabete. "Non sembra che una cura o un vaccino per il diabete sia realistico a breve termine - i prossimi cinque anni", dice Howard B.A. Baum, MD, un endocrinologo della divisione del diabete, endocrinologia e metabolismo del Medical Center della Vanderbilt University. "A lungo termine, tuttavia, è mia opinione che il diabete di tipo 1 sia una malattia curabile."

La ricerca sulle cellule staminali potrebbe svolgere un ruolo, ma così potrebbero altri metodi. "La via più promettente a questo punto è il concetto di sostituzione delle cellule beta produttrici di insulina del pancreas tramite trapianto", spiega il dott. Baum. "Un approccio in futuro, che potrebbe fornire una fornitura illimitata di cellule beta, avverrebbe attraverso la ricerca sulle cellule staminali". I tentativi di trattare il diabete di tipo 1 attenuando l'attacco del sistema immunitario al pancreas, come potrebbe fare il vaccino BGC, hanno fallito in prove fino ad oggi, note Baum. Detto questo, queste strategie potrebbero teoricamente offrire un modo per preservare la produzione di insulina in futuro. Aggiornato: 3/11/2013

arrow