Sarà Interessa A Te

Lo studio del mouse offre indizi sull'obesità - Link al diabete

Rispettiamo la tua privacy.

GIOVEDI '6 DICEMBRE 2012 (HealthDay News) - L'obesità e il diabete di tipo 2 sono chiaramente intrecciati, ma i ricercatori dicono hanno trovato un modo per indebolire la connessione tra i due - almeno nei topi.

La chiave, dicono, sta bloccando la risposta infiammatoria del corpo ai cibi ad alto contenuto di grassi.

In questo studio, pubblicato online Dec 6 nella rivista Science , i ricercatori hanno spento il percorso genetico JNK (pronunciato "spazzatura") nei topi e hanno alimentato le diete ad alto contenuto di grassi dei roditori. Anche se i topi sono diventati obesi, non hanno sviluppato insulino-resistenza, precursore del diabete.

Altri topi allo stesso modo con percorsi JNK intatti, tuttavia, sono diventati insulino-resistenti.

Anche se i risultati sembrano promettenti, è troppo presto

"Tutti hanno questi geni e sono presenti in tutte le cellule del tuo corpo in ogni momento", ha detto l'autore dello studio Roger Davis. "Quello che fanno è rispondere alla dieta che stai mangiando, quindi se mangi una dieta ricca di grassi e mensa, porta all'attivazione dei prodotti proteici - gli enzimi - di questi geni".

Davis, un professore della University of Massachusetts Medical School e investigatore presso l'Howard Hughes Medical Institute di Worcester, in Massachusetts, ei suoi colleghi hanno studiato centinaia di topi per più anni per esaminare la relazione tra infiammazione e diabete.

"Quello che abbiamo scoperto è i geni JNK nei macrofagi sono fondamentali per la capacità dei macrofagi di causare infiammazione, in particolare in risposta all'alimentazione o alla dieta ad alto contenuto di grassi ", ha detto Davis.

I macrofagi - globuli bianchi - attaccano invasori stranieri del corpo. Lotta contro l'infezione ma anche la loro risposta infiammatoria può essere dannosa. L'infiammazione è stata collegata a condizioni come l'artrite, le malattie cardiache e il cancro.

Nello studio, topi, "non avendo i geni JNK nei macrofagi, impedisce l'infiammazione che ha luogo nel corpo in risposta all'alimentazione e dieta, e questo a sua volta impedisce lo sviluppo di sintomi di prediabete, come la resistenza all'insulina ", ha detto Davis.

Dr. Joel Zonszein, direttore del Clinical Diabetes Center del Montefiore Medical Center di New York, che non è stato associato allo studio, ha detto che la scienza in questo settore è andata oltre rendendosi conto di avere più grasso corporeo - in particolare più grasso corporeo centrale o girovita - è un fattore di rischio per il diabete.

"Abbiamo i cosiddetti obesi sani che hanno meno tessuto adiposo, hanno meno infiammazione, hanno meno macrofagi", ha detto Zonszein. "E abbiamo alcune persone che non sembrano molto obese, ma il loro tessuto [grasso] è carico di macrofagi, in particolare macrofagi cattivi."

Il nuovo studio del topo, Zonszein ha detto, "è un percorso unico che hanno identificato in un molto bello - perché abbiamo sempre associato l'obesità con l'insulino-resistenza, ma nel loro modello [i topi] sviluppano l'obesità ma la loro insulina è sana. "

Zonszein ha aggiunto, tuttavia, che ciò che accade nel corpo umano è molto più complesso . "Ciononostante, questa è scienza - qualcosa da cui dobbiamo imparare. Ma da questo alle implicazioni per lo sviluppo di farmaci negli esseri umani, c'è un grande, grande stiramento", ha detto.

L'autore dello studio Davis ha riconosciuto il divario tra la ricerca sugli animali risultati e benefici clinici, ma ha detto che potrebbe essere colmato.

"Uno scenario possibile - e ovviamente il nostro lavoro è sui topi, quindi qui c'è un grande salto di fede per stabilire [questo] negli umani - ma il lavoro che abbiamo fatto suggerirebbe che i farmaci che sono mirati ai geni della chinasi JNK sarebbero utili per il trattamento del diabete ", ha detto. "Ma questo è sicuramente un grande passo oltre il nostro stesso lavoro."

Un messaggio da portare via, ha detto Davis, è che mangiare cibi non salubri colpisce immediatamente il tuo corpo.

"È utile per le persone riconoscere che gli alimenti che mangiano hanno questi effetti biochimici molto diretti", ha detto. "A volte le persone pensano di mangiare una dieta povera e in un secondo momento ci sono alcuni effetti negativi che si verificano in secondo luogo, ma alcune di queste cose possono essere molto più dirette." Ultimo aggiornamento: 12/6/2012 Copyright @ 2017 HealthDay. Tutti i diritti riservati.

arrow