Sarà Interessa A Te

Il virus comune può avere legami con il diabete di tipo 1

Rispettiamo la tua privacy. Nella foto è Enterovirus D68, uno di un gruppo comune di virus che causa un certo numero di infezioni.Kateryna Kon / Getty Images

Dalla Finlandia arriva più evidenza che un gruppo comune di infezioni virali può avere un ruolo nello sviluppo di almeno alcuni casi di diabete di tipo 1 .

I virus sono noti come enterovirus. Questi virus causano un numero di infezioni - dal comune raffreddore a condizioni tanto gravi quanto la poliomielite, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Lo studio ha rilevato che i bambini che presentavano segni indicanti lo sviluppo del diabete di tipo 1 ha avuto significativamente più infezioni da enterovirus che si verificano almeno un anno prima.

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune. Ciò significa che il sistema immunitario del corpo distrugge per errore cellule sane che producono insulina chiamate cellule insulari. Le cellule che attaccano le cellule sane del corpo sono chiamate autoanticorpi e ci sono specifici autoanticorpi per il diabete di tipo 1, chiamati autoanticorpi isolotti. Questi autoanticorpi compaiono prima che inizino i sintomi del diabete di tipo 1.

Nel diabete di tipo 1, vengono distrutte abbastanza cellule insulari che il corpo non produce più abbastanza insulina ormonale per sopravvivere. Per sostituire l'insulina persa sono necessari più iniezioni giornaliere o una pompa di insulina funzionante in modo continuo.

Circa il 5% delle persone con diabete ha tipo 1.

CORRELATO: Diabete di tipo 1 collegato al rischio di epilessia, Studio suggerisce

" I nostri risultati suggeriscono che gli enterovirus possono indurre un processo autoimmune contro le cellule produttrici di insulina nel pancreas ", ha detto l'autrice dello studio Hanna Honkanen. È una ricercatrice all'Università di Tampere in Finlandia.

"Questo processo autoimmune sembra iniziare diversi mesi dopo l'infezione, suggerendo che sono coinvolti meccanismi di funzionamento lenti", ha aggiunto.

I ricercatori hanno sottolineato che questo studio non era t Progettato per trovare una relazione causa-effetto.

"Tuttavia, le prove accumulate suggeriscono chiaramente che esiste un'associazione tra queste due malattie", ha detto l'autore senior dello studio, il dott. Heikki Hyoty. È un professore di virologia all'Università di Tampere.

"È probabile che l'infezione da enterovirus da sola non possa causare il diabete, ma potrebbe farlo in alcuni individui geneticamente suscettibili", ha detto.

I ricercatori sospettano che almeno La metà dei casi di diabete di tipo 1 potrebbe essere collegata agli enterovirus.

Lo studio ha incluso 129 bambini "caso" che sono risultati positivi per autoanticorpi multipli di isole e 282 bambini simili senza gli autoanticorpi per servire come gruppo di controllo. I ricercatori hanno testato più di 1.673 campioni di feci dai bambini del caso e più di 3.100 dal gruppo di controllo.

Hanno trovato infezioni in 108 casi bambini e 169 nel gruppo di controllo.

Il gruppo di studio ha anche notato che l'eccesso di infezioni nel caso in cui i bambini si siano verificati più di 12 mesi prima del primo autoanticorpo positivo.

"È logico che tale periodo di ritardo esista poiché ci vuole del tempo prima che il virus possa attivare meccanismi immunitari che potrebbero portare al processo autoimmune, "Ha detto Honkanen.

Non esiste un modo noto per prevenire gli enterovirus - tranne che per la polio e l'enterovirus 71, per i quali esistono vaccini, hanno detto gli autori dello studio. Ma questo studio, insieme alle prove precedenti, suggerisce che i vaccini per altri enterovirus potrebbero aiutare a ridurre l'incidenza del diabete di tipo 1.

"Tuttavia, lo sviluppo di tale vaccino per uso umano è un processo lungo", ha spiegato Hyoty.

Jessica Dunne è la direttrice della ricerca alla scoperta della JDRF (ex Juvenile Diabetes Research Foundation).

Ha detto che è "eccitante vedere ciò che questo studio aggiunge a quello che si pensava fosse a lungo contribuire al diabete di tipo 1 in almeno un sottoinsieme di persone. "

Tuttavia, ha concordato con gli autori dello studio che gli enterovirus non sono probabilmente l'unico fattore ambientale nello sviluppo del diabete di tipo 1. "Il diabete di tipo 1 è una diagnosi clinica ed è probabile che le persone arrivino da più percorsi e potrebbe non essere sempre infezioni enterovirali", ha detto.

Dunne ha detto che un vaccino dovrebbe essere somministrato "a metà tra la nascita e 12 mesi, "a causa del tempo di latenza osservato tra l'infezione e lo sviluppo di autoanticorpi.

Lei e gli autori dello studio hanno detto che i genitori non dovrebbero essere eccessivamente preoccupati se il loro bambino si ammala di un enterovirus. La maggior parte dei giovani che subiscono le infezioni non ottiene il diabete di tipo 1.

"Gli enterovirus sono molto comuni e causano di tutto, dai raffreddori all'afta epizootica. Non c'è modo di impedire ai bambini di contrarre gli enterovirus "Secondo Dunne,

" Tutti i bambini avranno diverse infezioni da enterovirus, quindi è chiaro che sono necessari ulteriori fattori [come fattori genetici] per lo sviluppo del diabete ", ha detto Honkanen.

Gli autori dello studio hanno detto sono necessarie ulteriori ricerche per confermare le loro scoperte e per comprendere meglio la complessa causa del diabete di tipo 1.

Lo studio è stato pubblicato il 9 gennaio sulla rivista Diabetologia . Ultimo aggiornamento: 1/10/2017 Copyright @ 2017 HealthDay. Tutti i diritti riservati.

arrow