Sarà Interessa A Te

L'artrite reumatoide e il legame demenziale

Rispettiamo la tua privacy. Parli con il medico i farmaci che prendi, e usa strategie di lifestyle comprovate per proteggere il tuo cervello quando diventi anziano.iStock.com

A prima vista, la nozione che l'artrite reumatoide (RA) possa essere collegata ad un aumentato rischio di demenza può essere difficile da Fathom. Ma ci sono alcune prove che le persone con AR possono avere un rischio più elevato di sviluppare la demenza con il passare degli anni. Se questo deriva dagli effetti infiammatori sistemici della RA, tassi più alti di depressione tra le persone con RA o altri fattori non è noto.

Una recensione pubblicata nel gennaio 2016 sulla rivista Neurology India ha scoperto che le persone con AR hanno un rischio aumentato del 61% di demenza rispetto a quelli della popolazione generale. In totale, i revisori hanno esaminato 2.937.130 persone che hanno partecipato a cinque studi. Allo stesso modo, una ricerca precedente pubblicata nel maggio del nel Journal of Alzheimer's Disease ha rilevato che la presenza di RA nella mezza età aumenta il rischio di avere un decadimento cognitivo due decenni più tardi di quasi un fattore di tre.

Artrite reumatoide Impatto diretto del cervello?

"L'artrite reumatoide causa l'artrite, ma è una malattia sistemica, vale a dire c'è un'infiammazione e attraversa tutti i sistemi del corpo", afferma Calvin R. Brown Jr., MD, un professore di medicina nella divisione di reumatologia presso la Northwestern Feinberg School of Medicine di Chicago. "È risaputo che i pazienti con artrite reumatoide nel loro complesso hanno un rischio maggiore di demenza, e si pensa che sia dovuto alla diminuzione della circolazione, che l'infiammazione sistemica danneggia i vasi sanguigni nel cervello."

Il trattamento per RA può influenzare i rischi demenziali

Ora, uno studio pubblicato nel novembre 2017 sulla rivista Toxicology and Applied Pharmacology suggerisce che farmaci anti-reumatici modificanti la malattia (DMARD), che sono stati un passo avanti per controllare l'attività della malattia e ridurre l'erosione articolare , può svolgere un ruolo. I ricercatori di Taiwan hanno esaminato le cartelle cliniche di 957 persone con AR e demenza e 957 persone con RA che non avevano hanno demenza. Hanno scoperto che il rischio di demenza era del 63% più alto in quelli con RA che assumevano DMARD sintetici convenzionali - in particolare Trexall (metotrexato), Azulfidina (sulfasalazina) o idrossiclorochinina - rispetto a quelli che non assumevano questi farmaci. Al contrario, coloro che hanno preso DMARD biologici non hanno avuto un rischio maggiore.

Teorie sui possibili collegamenti tra RA e demenza

I ricercatori speculano sulla spiegazione e ci sono più teorie. Una teoria è che questi effetti possono essere dovuti all'esaurimento dell'acido folico (il metotrexato è un antagonista dell'acido folico), dato che il deficit di acido folico è stato associato a un più alto rischio di demenza. Un'altra possibilità è che alcuni DMARD possono avere un'influenza negativa sull'apprendimento e sulla memoria alterando i livelli di alcuni neurotrasmettitori nell'ippocampo del cervello. I ricercatori ipotizzano anche che le alterazioni indotte dal farmaco nella connessione gut-cervello possano avere un ruolo. Ma è importante tenere a mente, dice il dottor Brown, "questo non significava affatto che le persone che assumevano questi farmaci avrebbero sicuramente avuto la demenza".

La ricerca è preliminare, c'è ancora molto da studiare

Esperti D'accordo sul fatto che in questo settore è necessario fare ulteriori ricerche Nel frattempo, se sei preoccupato del tuo rischio di sviluppare demenza, la cosa migliore da fare è parlare con il tuo medico dei pro e contro del prendere DMARD per il controllo RA contro il rischio di sviluppare demenza.

"La situazione deve essere affrontata su base individuale", afferma Gary Small, MD, direttore dell'UCLA Longevity Center di Los Angeles e coautore di Il programma di prevenzione dell'Alzheimer: mantieni il cervello sano per il resto della tua vita . "Se hai un parente stretto con demenza, come un genitore o un fratello, questo raddoppierebbe il rischio di demenza."

C'è una storia di demenza nella tua famiglia?

Se hai una storia familiare forte di la demenza, discutere con il vostro reumatologo se si trarre beneficio dal prendere un DMARD biologico (come un inibitore del TNF) o uno dei nuovi inibitori della chinasi Janus (che sono biologici orali) invece di un DMARD sintetico convenzionale, Brown dice. Possono anche esserci modi per mitigare i rischi sottostanti associati ai DMARD convenzionali: ad esempio, il medico potrebbe fornirti una supplementazione extra di acido folico se stai assumendo metotrexato, aggiunge Brown.

Inoltre, è saggio adottare misure comprovate per proteggere la tua funzione cerebrale, mentre invecchi. Questi includono:

  • Evitare di fumare
  • Esercitare regolarmente
  • Gestire lo stress
  • Ottenere una stimolazione cerebrale regolare
  • Mantenimento della pressione sanguigna, glicemia e livelli di colesterolo
  • Mantenere un peso sano

Che cos'è di più, consumare una dieta bilanciata e nutriente - compresi molti frutti, verdure, pesce grasso, cereali integrali, fagioli e legumi e noci e semi - può essere di beneficio al cervello e alle articolazioni. "Le abitudini di vita più salutari sono le persone, meno si lamentano della loro memoria man mano che invecchiano", afferma il Dr. Small. "Non è mai troppo presto o troppo tardi per prendere provvedimenti per proteggere il cervello." Ultimo aggiornamento: 11/7/2017

arrow